Basi SEO: Indicizzare, ma come lavora Google?

Aiutiamo Google ad indicizzare le nostre pagine.

Google, attraverso i crawler, o spider se preferisci, “scandaglia” il tuo sito web per indicizzare le pagine e per aiutarsi usa la sitemap.
Come dice anche il nome, la sitemap altro non è che la mappa del sito, leggendo la quale indichi agli spider cosa leggere e cosa no, e anche con che priorità.
Per aiutare gli spider puoi indicare direttamente la tua sitemap a google attraverso la Search Console. Vedi la guida ufficiale google per come fare a inviare la sitemap.

 

google_spider

 

La sitemap quindi serve a guidare i crawler ed agevolare il loro lavoro di indicizzazione.
Questo aiuto Google lo apprezza e se tu aiuti lui, lui aiuta te.

Come creare una sitemap?

Puoi usare un servizio online, come ad esempio www.xml-sitemaps.com oppure XML Sitemap Generator, o ancora usare dei software appositi come sitemap generator.
Se usi wordpress, inoltre, esistono dei plugin anche per la sitemap. Basta cercare insomma!

E se non voglio che Google indicizzi tutto?
Ad esempio se si usa worpress di solito non si vuole che sia indicizzata la cartella di amministrazione wp-admin.
Per indicare questi blocchi si usa il file robots, un semplicissimo file di testo, e anche questo lo puoi creare facilmente online attraverso molti servizi. Io ti segnalo Robots txt generator .

 

file-robots

 

Ma cosa controlla google nelle mie pagine? Alcune righe di codice in particolare:

  • Tag title (quello blu sulla serp)
  • Meta tag –> description, keywod, ecc.
  • Alt tag –> vedi articolo “come ottimizzare le immagini
  • Microdati
  • Tag H1
  • Opengraph, ecc.

Poi, ovviamente, i contenuti.
Inutile avere un sito ben costruito tecnicamente se non avete contenuti utili per gli utenti.
la frase “content is king” è valida ancora oggi.

Perchè?
Big G come guadagna secondo te? Con la pubblicità che vende ovviamente, le campagne Adwords.

Per guadagnare deve far si che le campagne “annuncio” siano viste e cliccate, e per questo bisogna che l’utente sia invogliato ad usare Google come motore di ricerca.
Di conseguenza, se tu proponi buoni contenuti utili agli utenti attraverso il tuo sito o blog, google è contento perchè proporre buoni contenuti significa attirare utenti. + utenti = + click.

questo infine signigica che chi propone i contenuti migliori occuperanno le posizioni migliori, cioè più visibili.
Hai capito adesso? Semplice no?
Alla fine è sempre una questione economica.
Google non ti premia perché sei bello, ma perché lo fai guadagnare.

Ma andiamo con ordine.
innanzi tutto, il tuo sito può avere contenuti spaziali, può essere velocissimo nel caricamento, puoi avere immagini bellissime, ma…
Esatto, c’è un ma. Se il tuo sito non è organizzato come si deve, tutto questo è inutile.

La struttura con cui sono ordinati i contenuti deve avere una logica che accompagni l’utente nell’esperienza di navigazione del sito.
E il tutto deve SEMPRE rimandare all’obiettivo del tuo sito: VENDERE!

Che sia un prodotto o un servizio che offri, non devi perdere di mira il tuo obiettivo, che è quello di guadagnare.

Per fare questo devi fare in modo che il tuo possibile cliente resti il più a lungo possibile nel tuo sito, abbassando il più possibile la cosidetta “frequenza di rimbalzo”, cioè “arrivo da te e me ne vado subito” .

Come fare? Come già detto, offrendo contenuti utili, magari divisi in più articoli (se hai un blog. Ce l’hai un blog, vero?) e ogni articolo rimanda ad un altro con contenuti correlati.
OGNI articolo infine rimanda l’utente a visitare la tua pagina prodotti e/o servizi e magari lo invita a comprare/contattarti.

Questa tecnica di link incrociati si chiama cross-linking. Se poi per le anchor text utilizzate delle parole chiave, tanto meglio.

link Building

Sempre in tema di link, un altra tecnica SEO on page è quella di usare link in uscita (outbound link) di qualità.
Linkare siti autorevoli come ad esempio wikipedia o siti di rilievo nel settore di cui state scrivendo, può essere considerato da google come sinonimo di qualità. Di conseguenza, se linkate “spazzatura” anche voi potreste essere giudicati come tale.

Poi, ancora parlando di link autorevoli, a fare la parte del leone saranno gli eventuali link in entrata (backlink) che avrete da parte di altri siti.

Ma di questo argomento sarà meglio parlarne a parte perché abbastanza delicato in quanto è facile incappare in penalizzazioni da parte di google.

Se hai bisogno di un consulente SEO a Vicenza e Padova per posizionare su Google il tuo sito web, contattami!

 

Posted by Matteo Dalla Vecchia